Gruppi sociali primari e secondari

Artículo revisado y aprobado por nuestro equipo editorial, siguiendo los criterios de redacción y edición de YuBrain.


I gruppi sociali possono essere classificati in:

  • gruppi primari
  • gruppi secondari

Il sociologo americano Charles Horton Cooley introdusse questi concetti nel 1909 nel suo libro Organizzazione sociale – uno studio della mente più ampia . Il suo studio si è concentrato sul senso di identità presente nelle relazioni e nelle interazioni tra gli individui. Questo lo ha portato a identificare due tipi di strutture sociali: gruppi primari e gruppi secondari.

Caratteristiche dei gruppi sociali primari e secondari

Entrambi i gruppi presentano caratteristiche diverse. Quindi, vediamo cosa comporta ciascuno.

gruppi sociali primari

Questi gruppi sono caratterizzati dall’essere piccoli e molto personali, ei loro membri si relazionano direttamente e cordialmente. Le relazioni che si sviluppano in questi gruppi hanno una grande carica emotiva e affettiva. Di solito sono legami che vengono mantenuti a lungo termine e anche per tutta la vita. Alcuni esempi di questi gruppi sono la famiglia, gli amici d’infanzia, le coppie oi matrimoni e alcuni gruppi religiosi.

Queste relazioni giocano un ruolo molto importante nella formazione degli individui e del loro senso di identità. I membri di questi gruppi hanno una grande influenza sugli altri membri in aree come lo sviluppo dei loro valori, della loro morale, delle loro convinzioni, del loro modo di vedere il mondo e dei loro comportamenti quotidiani. Allo stesso modo, questi gruppi svolgono un ruolo molto importante nel processo di socializzazione dei loro membri nella loro fase di sviluppo.

gruppi sociali secondari

I gruppi sociali secondari sono solitamente relazioni temporanee e impersonali. In generale, c’è un obiettivo o un impegno per il quale gli individui devono vivere e socializzare. Questi gruppi hanno interessi o obiettivi pratici, cioè sono creati per svolgere un compito o raggiungere un obiettivo. Ad esempio, i gruppi sociali secondari sono generati sul posto di lavoro o nelle istituzioni educative.

I gruppi secondari non influenzano i loro membri allo stesso modo dei gruppi primari, poiché i legami non sono così stretti. Normalmente, una persona entra volontariamente in un gruppo secondario quando condivide interessi con le altre persone coinvolte e ne rimane parte finché non raggiunge il suo obiettivo.

I gruppi secondari possono essere grandi o piccoli e possono essere composti da studenti, insegnanti, amministratori, ecc.

Differenze tra gruppi primari e secondari

Oltre alla vicinanza dei legami tra i suoi membri, un’altra importante differenza tra gruppi sociali primari e secondari è la loro organizzazione. I gruppi primari non sono organizzati, mentre i gruppi secondari di solito hanno un’autorità responsabile della loro organizzazione.

È inoltre necessario evidenziare che potrebbero esserci delle eccezioni nei diversi tipi di collegamenti e che questi sono dinamici. Nel caso dei gruppi secondari, è possibile che le relazioni tra individui a un certo punto diventino più intime. Un esempio di ciò sono i colleghi che sviluppano una profonda amicizia o iniziano una relazione d’amore. Questo gruppo, inizialmente classificato come secondario, diventerebbe così un gruppo primario. Inoltre, un gruppo primario può diventare un gruppo secondario quando si verifica un conflitto. Ad esempio, nel caso della separazione di una coppia che ha in comune un progetto lavorativo.

Bibliografia

  • Horton Cooley, C. Organizzazione sociale: uno studio della mente più ampia . (1909). STATI UNITI D’AMERICA. Giornale americano di sociologia.
  • Glad, W. Sociologia per tutti: ciò che gli individui e i gruppi sociali sperimentano nelle dinamiche sociali. Teorie, effetti e cause della sociologia . (2020, audiolibro). Spagna. Wolynn felice.
  • Macionis, JJ; Plummer, K. Sociologia. (2012, 4a edizione). Spagna. Prentice Sala.
-Annuncio-

mm
Cecilia Martinez (B.S.)
Cecilia Martinez (Licenciada en Humanidades) - AUTORA. Redactora. Divulgadora cultural y científica.

Artículos relacionados