Le fasi dello sviluppo morale di Kohlberg

Artículo revisado y aprobado por nuestro equipo editorial, siguiendo los criterios de redacción y edición de YuBrain.


La teoria di Kohlberg sostiene che lo sviluppo morale nei bambini avviene progressivamente in sei fasi. Fu proposto nel 1958 dallo psicologo americano Lawrence Kohlberg, che lo ampliò e lo completò nel corso della sua carriera professionale.

Cos’è lo sviluppo morale

Uno degli oggetti di studio della psicologia rispetto allo sviluppo cognitivo umano è il ragionamento morale, un processo in cui la persona acquisisce e applica regole morali. Ciò si verifica dall’infanzia e man mano che cresce fino all’età adulta, e continua persino a svilupparsi nella vita adulta. In altre parole, i bambini stanno acquisendo una maggiore comprensione di ciò che è giusto e ciò che è sbagliato, in base alle informazioni che ricevono dal loro ambiente e dalla loro cultura, e questo insieme di convinzioni si evolve nel corso della vita.

Uno dei pionieri nello studio dello sviluppo morale dei bambini fu lo psicologo svizzero Jean Piaget (1896-1980). Nelle sue opere Giudizio e ragionamento nel bambino e Criterio morale nel bambino, pubblicati rispettivamente nel 1932 e nel 1934, Piaget pose le basi per lo studio dello sviluppo cognitivo nell’infanzia e formulò le prime ipotesi su come si produce il giudizio. crescere. 

Principalmente, Piaget ha definito due fasi in cui si sviluppa il ragionamento morale e ha segnato l’età di 10 anni come un punto di svolta nel pensiero dei bambini. I bambini di età inferiore ai 10 anni consideravano le regole fisse e formulavano giudizi morali basati sulle conseguenze dell’infrazione o meno di una regola. D’altra parte, i bambini di età superiore ai 10 anni hanno mostrato una maggiore flessibilità ei loro giudizi morali non erano basati esclusivamente sulle conseguenze.

Origine della teoria di Kohlberg

Lawrence Kohlberg (1927-1987) è stato uno psicologo americano noto soprattutto per aver stabilito la Teoria degli stadi dello sviluppo morale, nota anche come Teoria di Kohlberg.

Durante la sua formazione accademica, Kohlberg studiò l’opera di Piaget e successivamente si ispirò ad essa per iniziare la sua ricerca sullo sviluppo della moralità nei bambini. 

A differenza di altri ricercatori che si sono concentrati sulla definizione di cosa sia la moralità e quali azioni siano morali, Kohlberg era interessato a comprendere il processo mediante il quale concepiamo idee su ciò che è giusto e ciò che è sbagliato. Con questo in mente, ha rivisto e ampliato le ipotesi di Piaget e ha condotto uno studio per dare uno sguardo approfondito a come avviene il ragionamento morale nei bambini. Per fare ciò, si basava sulla possibilità che lo sviluppo morale potesse estendersi oltre i due stadi citati da Piaget.

Sulla base dei risultati delle sue ricerche, Kohlberg elaborò la sua Teoria degli stadi dello sviluppo morale. Questa teoria faceva parte della sua tesi di dottorato Lo sviluppo dei modi di pensare e delle scelte nei bambini dai 10 ai 16 anni , che fu svolta all’Università di Chicago, negli Stati Uniti, nel 1958.

La teoria di Kohlberg

La teoria delle fasi di sviluppo morale di Kohlberg sostiene che il ragionamento morale è principalmente correlato al senso di giustizia e si verifica a tre livelli: moralità preconvenzionale, moralità convenzionale e moralità postconvenzionale. Ciascuno di questi livelli è costituito da due fasi, ovvero lo sviluppo del ragionamento morale si svolge in totale in sei fasi.

A differenza di Piaget, Kohlberg credeva che lo sviluppo della moralità continuasse per tutta la vita. Tuttavia, ha anche affermato che molte persone hanno raggiunto solo il terzo e il quarto stadio dello sviluppo morale.

Le tappe dello sviluppo morale della teoria di Kohlberg

La teoria di Kohlberg suggerisce che i bambini attraversino ogni fase sostituendo il pensiero della fase precedente con il pensiero della nuova fase. 

morale preconvenzionale

Il primo livello della Teoria di Kohlberg si chiama moralità preconvenzionale . È il livello più elementare di sviluppo morale e copre i bambini sotto i 9 anni di età. 

In questo periodo, i bambini non hanno ancora adottato un senso della moralità. Sono governati solo da regole morali e dalle conseguenze della loro violazione, che sono dettate dagli adulti, principalmente dai genitori. In altre parole, giudicano la moralità di un’azione in base alle sue conseguenze immediate. Questo livello è suddiviso nelle seguenti fasi:

  • Fase 1: questa fase è orientata all’obbedienza e alla punizione. In questa fase i bambini credono che le regole siano fisse e vincolanti. Se non li seguono, ricevono una punizione. Per questo motivo, giudicano che qualcosa sia giusto o sbagliato a seconda che vengano puniti o meno.
  • Fase 2: questa fase è orientata verso l’interesse personale e un maggiore individualismo. In questa fase i bambini cominciano a rendersi conto che le regole non sono fisse e che ci sono prospettive diverse, a seconda di chi le detta. Si concentrano anche sul vantaggio che possono ottenere seguendo una regola. Per questo motivo, tendono a credere che qualcosa sia giusto se porta loro beneficio e che qualcosa sia sbagliato se causa danno o disagio.

morale convenzionale

Il secondo livello è noto come moralità convenzionale ed è un periodo che comprende la maggior parte degli adolescenti e degli adulti. Qui le persone interiorizzano gli standard morali secondo le regole dei gruppi di cui fanno parte. Rispettano anche le regole sociali anche se non ci sono conseguenze per obbedirle o infrangerle. Inoltre, possono mettere in discussione o meno le regole morali. Questo livello copre:

  • Fase 3: questa fase è orientata verso ciò che è considerato socialmente accettato e si distingue per il miglioramento delle relazioni interpersonali. Il ragionamento morale si basa sulla vita all’interno di un certo gruppo, come la famiglia, la comunità educativa, il posto di lavoro, ecc.
  • Fase 4: è caratterizzata dall’obbedienza all’autorità e dal mantenimento dell’ordine sociale. Le persone sono più consapevoli delle regole sociali su scala più ampia e comprendono l’importanza di obbedirle per mantenere l’ordine sociale. In questa fase, i fattori di colpa e responsabilità giocano un ruolo importante.

morale postconvenzionale

Il terzo livello della teoria di Kohlberg è la moralità post-convenzionale o di principio . È il più alto livello di sviluppo morale. Le persone si chiedono se le regole che seguono siano corrette o meno, in base ai propri principi. Kohlberg credeva che solo il 10-15% della popolazione raggiungesse la moralità post-convenzionale. Questo livello è composto da:

  • Stadio 5: è motivato dal contratto sociale, poiché la persona è consapevole che ogni individuo svolge una funzione nella società e deve cercare di migliorarla. Allo stesso tempo, anche in questa fase possono prevalere i diritti individuali e le regole morali specifiche di ogni persona.
  • Fase 6: questa fase è caratterizzata da ragionamenti astratti e principi etici universali, come la libertà, la dignità o il rispetto. Le persone alla fine sviluppano i propri principi di moralità, di come la società dovrebbe essere e comportarsi, che possono o meno essere coerenti con le regole morali esistenti della società.

La ricerca di Kohlberg

Per stabilire la sua teoria, Kohlberg ha analizzato 72 bambini di Chicago, di età compresa tra 10, 13 e 16 anni. L’esperimento consisteva nell’intervistare i bambini per circa 2 ore ciascuno. Durante l’intervista, ai bambini sono stati dati 10 dilemmi morali su cui dovevano riflettere. Dopo aver risposto, hanno dovuto giustificare il loro ragionamento. Kohlberg ha posto loro diverse domande per determinare il ragionamento che ogni bambino ha applicato per fornire soluzioni ai dilemmi.

I dilemmi includevano descrizioni di alcune situazioni di vita reale, in cui i protagonisti affrontavano problemi diversi. Uno di questi, ad esempio, era il dilemma di Heinz. Questo descrive la situazione di una donna malata di cancro che poteva essere curata solo se prendeva una certa medicina. Il farmacista che ha creato quel farmaco ha addebitato dieci volte il costo per produrlo. Dopo aver tentato di convincere il farmacista ad abbassare il prezzo del farmaco, il marito della malata si è recato in farmacia per rubare il farmaco. Successivamente, i partecipanti all’esperimento dovevano rispondere se erano d’accordo con ciò che aveva fatto il marito e perché.

I partecipanti dovevano anche rispondere a domande aggiuntive. Sulla base delle risposte di ciascun gruppo di età nel suo esperimento, Kohlberg ha definito le fasi dello sviluppo morale.

Limitazioni ed eredità della teoria di Kohlberg

Da quando Kohlberg ha proposto la sua Theory of Developmental Stages, ha ricevuto varie critiche, che lo hanno portato a continuare a fare revisioni nei decenni successivi, come il suo Moral Development , pubblicato nel 1982; Fasi della moralità: una formulazione attuale e una risposta alle critiche , nel 1983; e La mia ricerca personale della moralità universale , nel 1991.

Alcuni dei limiti della teoria di Kohlberg erano:

  • Includi solo la prospettiva occidentale e maschile della moralità. Lo studio è stato condotto in una città specifica, senza considerare altre culture, filosofie o realtà diverse.
  • Escludere la prospettiva femminile.
  • Il piccolo gruppo di studio, oltre ad essere un esperimento difficile da generalizzare a causa del numero di individui analizzati.
  • Anche l’indicatore della moralità è stato criticato, poiché l’esperimento si basava principalmente sulla giustizia e lasciava da parte altri valori morali, come la compassione o la preoccupazione per gli altri, ecc.
  • I dilemmi morali che Kohlberg usava, per esempio, dove c’erano situazioni che coinvolgevano i matrimoni, non erano legati alle esperienze che i bambini avrebbero potuto avere.

Nonostante le critiche, Kohlberg era considerato uno dei più grandi psicologi del XX secolo e la sua ricerca sullo sviluppo morale ha aperto la strada ad altri studi sulla moralità e sullo sviluppo del ragionamento sia in psicologia che in altre aree.

Fonti

  • Sanfeliciano, La teoria dello sviluppo morale di A. Kohlberg . Ceril.net. Disponibile qui .
  • Triglia, A. (2016, 24 novembre). Teoria dello sviluppo morale di Lawrence Kohlberg . Psicologia e mente. Disponibile qui .
  • Vergara, la teoria dello sviluppo morale di C. Lawrence Kohlberg. L’attualità in psicologia. Disponibile qui .
  • Elorrieta-Grimalt, deputato (2012). Analisi critica dell’educazione morale secondo Lawrence Kohlberg. Paradiso. Disponibile qui .
  • Gruppo editoriale. (2020, 16 novembre). Le fasi di sviluppo morale di Kohlberg . Psicologia in linea. Disponibile qui .
-Annuncio-

mm
Cecilia Martinez (B.S.)
Cecilia Martinez (Licenciada en Humanidades) - AUTORA. Redactora. Divulgadora cultural y científica.

Artículos relacionados