Cosa sono le frasi nominali nella grammatica inglese?

Artículo revisado y aprobado por nuestro equipo editorial, siguiendo los criterios de redacción y edición de YuBrain.


Le frasi nominali, chiamate anche frasi nominali, sono definite come gruppi di parole la cui caratteristica principale è quella di includere un sostantivo o il soggetto della frase. In grammatica il termine nominale è una categoria che descrive l’uso di parti del discorso in una frase. Nello specifico, la definizione nominale è un nome, una frase nominale o qualsiasi parola o gruppo di parole che funziona come un nome. Il termine deriva dal latino nomine , che significa “nome”. I nominali possono essere il soggetto di una frase, l’oggetto di una frase o il predicato nominativo che segue un verbo di collegamento o vincolante come essere, diventare, sembrare e spiega cos’è il soggetto. I nominali sono usati per fornire più dettagli di un semplice sostantivo.

Note chiave sulle frasi nominali nella grammatica inglese

  • Il nominale  è una parte del discorso per parole o gruppi di parole che funzionano come sostantivi in ​​una frase.
  • I nominali possono svolgere qualsiasi funzione grammaticale, come i sostantivi. Possono essere un soggetto, un oggetto o un predicato nominale.
  • Le frasi nominali o i gruppi nominali forniscono maggiori dettagli su un sostantivo.
  • Le frasi nominali possono contenere altre parti del discorso, come preposizioni, articoli, aggettivi e altro.

Cos’è una parola nominale?

Come parte del discorso, nominale descrive parole o gruppi di parole che funzionano insieme come un sostantivo, ma aggiungono più dettagli e profondità alla frase. Le parole incluse in un raggruppamento nominale danno più riferimenti al sostantivo (la parola principale), rendendolo specifico. Le frasi e le proposizioni nominali possono includere altre parti del discorso, come articoli, preposizioni e aggettivi.

Ad esempio, l’autore Geoffrey Leech nel suo glossario grammaticale indica che nella frase nominale  bella tazza di tè ( “una bella tazza di tè”), ha senso includere bella (“bella” ) poiché è un modificatore di “a tazza di tè”. tè”, invece di usare solo il sostantivo tazza ( “tazza” ) . In questa frase, “bella tazza di tè” è nominale; di conseguenza, fornisce più descrizioni rispetto al semplice dire “tazza”. L’uso di un nominale dà al lettore un’idea più completa di ciò che lo scrittore sta cercando di trasmettere.

Frasi nominali in inglese

Quando si costruisce una frase nominale, il titolo della frase è un sostantivo o un pronome, anche se potrebbe non essere sempre all’inizio della frase, come si potrebbe pensare solo guardando il termine. Le intestazioni possono avere articoli, pronomi, aggettivi o anche altre frasi prima di esse e possono essere seguite da frasi preposizionali, proposizioni subordinate e altro.

L’autore G. David Morley fornisce questi esempi di frasi nominali inglesi. Le parole chiave sono in grassetto e anche la loro traduzione in spagnolo.

  • Questo  corso di russo_  _
  • La mia  salita più  divertente _ 
  • La nuova  bicicletta di   sua sorella _
  • Tutte  le  nostre  ultime vacanze
  • Una  voce  dal  passato _  _
  • La  canzone che   ha cantato  Jill _
  • Il  segretario  generale (Il  segretario  generale)

In tutti questi esempi, il nominale dà più contesto al sostantivo. Nel primo esempio non si tratta solo di un corso, ma di quel corso di russo concreto e specifico. Lo stesso accade con l’arrampicata, che è più di una semplice salita, perché è stata la mia salita più divertente, quella che mi è piaciuta di più. Ed è molto più di una bici, è la nuova bici di tua sorella.

Per illustrare come i nominali nella grammatica inglese possono funzionare in una frase proprio come i nomi in diverse parti del discorso, vengono forniti esempi di come usare una frase nominale, in questo caso è “il procuratore generale”:

  • Il procuratore generale si candida per la rielezione . “Il procuratore generale si candida alla rielezione”. (È il tema).
  • Abbiamo portato le nostre preoccupazioni al procuratore generale . “Abbiamo presentato le nostre preoccupazioni al procuratore generale”. (È l’oggetto indiretto).
  • Una melma antiproiettile portò il procuratore generale alla conferenza . “Una limousine antiproiettile ha portato il procuratore generale alla conferenza.” (È l’oggetto diretto).
  • I membri del personale sono andati a pranzo con il procuratore generale . “I membri dello staff sono andati a mangiare con il procuratore generale. (È l’oggetto di una preposizione).

Vari autori famosi hanno usato frasi nominali nelle loro opere. Ad esempio, utilizzando una versione della frase nominale, Greg Mortenson e David Oliver Relin hanno scritto un libro intitolato Three Cups of Tea: One Man’s Mission to Promote Peace: One School at a Time . Il libro parla del tentativo di un uomo di promuovere la pace condividendo “tre tazze di tè” (insieme a pensieri di amicizia e pace) con varie persone in Pakistan. In questo titolo, Three Cups of Tea , è la frase nominale. Non era solo una tazza, ma tre tazze di tè che Mortenson condivideva con gli altri.

clausole nominali

Le clausole nominali sono clausole dipendenti. Non possono stare da soli come una frase e contenere un verbo.

Le clausole nominali spesso iniziano con parole come  what  (o altre  parole wh  ) o  that. Queste parole sono chiamate clausole relative. Prendi, ad esempio, la frase ” Può  andare dove vuole . La clausola inizia con una  parola wh  , contiene un verbo e funziona interamente come un sostantivo . Si può dire che funziona come un sostantivo perché potrebbe essere sostituito con un sostantivo o un pronome. Ad esempio, potresti dire: « Può tornare  a casa » , « Può andare a  Parigi » , oppure « Può andare  ” (“Puoi andare a casa ”, “Puoi andare a Parigi  ”, o “Puoi andare  ”).

  • Credo che la grammatica  sia più facile di quanto sembri . La proposizione nominale funge da oggetto, come in ” ci  credo “.
  • Quello che ho mangiato a pranzo era delizioso  . La clausola nominale funge da soggetto, come in ” La zuppa era deliziosa ” (”  La zuppa  era deliziosa”). 
  • Beth è  a chi mi riferivo . La clausola agisce in questa frase come un predicato nominativo. Innanzitutto, è una  clausola wh  ( who ). Second ha un soggetto (Beth) e un verbo vincolante ( is , dal verbo essere ). Terzo, le informazioni sull’argomento sono complete, come in Beth is she o She is Beth (“Beth is she” o “She is Beth”).

nominalizzazione

L’atto di creare un nominale da un verbo, un aggettivo o altri elementi, compreso un altro sostantivo, è noto come nominalizzazione. Ad esempio, prendiamo la parola blogosfera (“blogósfera”, potrebbe essere tradotta in spagnolo) ) . È un nuovo nome, creato da un altro ( blog ) più l’aggiunta di un suffisso. È facile creare sostantivi (nominali) in inglese da altre parole. Anche l’aggiunta del suffisso del gerundio, –ing , a un verbo per effettuare la nominalizzazione, come fir ing  deriva dalla parola  fuoco. O aggiungendo un suffisso a un aggettivo, ad esempio aggiungendo il suffisso ness a lovely per creare la parola  loveliness .

Fontana

Mortenson, Greg. “Tre tazze di tè: la missione di un uomo per promuovere la pace, una scuola alla volta”. David Oliver Relin, Penguin Books, 30 gennaio 2007.

-Annuncio-

mm
Emilio Vadillo (MEd)
(Licenciado en Ciencias, Master en Educación) - COORDINADOR EDITORIAL. Autor y editor de libros de texto. Editor (papel y digital). Divulgador científico.

Artículos relacionados