Come si dice “buon compleanno” in latino?

Artículo revisado y aprobado por nuestro equipo editorial, siguiendo los criterios de redacción y edición de YuBrain.


La festa di compleanno è una tradizione che si celebra da migliaia di anni. Nell’Antica Roma, per augurare un “buon compleanno” in latino, si usavano frasi come: Felix dies natalis o Felix sit natalis dies , tra le altre.

sul latino

Il latino è una lingua nata nel Lazio o Lazio , una regione dell’odierna Italia, e diffusa in quella che sarebbe diventata Roma, dove divenne la lingua ufficiale. Con l’espansione dell’Impero Romano, il latino si diffuse in altre parti d’Europa, Africa e Medio Oriente.

Il latino divenne la lingua di un gran numero di libri di retorica, poesia, tragedie, commedie e satire, dove si incarnava la conoscenza dei più importanti scrittori e pensatori romani.

La letteratura latina può essere classificata in “letteratura primitiva” e “letteratura classica”. Quest’ultima si divide, a sua volta, in Età dell’Oro e Età dell’Argento. Il periodo di massimo splendore della letteratura latina terminò nel II secolo dC Si ritiene che l’uso del latino come lingua viva fosse già andato diminuendo a partire dal I secolo dC Nei secoli successivi anche l’interesse per la letteratura latina perse progressivamente. Durante il Medioevo, il latino continuò ad essere utilizzato principalmente come lingua liturgica e scientifica.

Il latino volgare, detto anche tardo latino, era composto da diversi dialetti che si parlavano nelle province dell’Impero Romano. Questo latino parlato ha dato origine alle lingue romanze, tra cui spagnolo, francese, galiziano, friulano, italiano, portoghese, rumeno, catalano, corso e molti altri.

Attualmente è considerata una lingua morta, cioè non ha parlanti nativi. Tuttavia, continua ad essere utilizzato nella religione cattolica, nel diritto e nella scienza, in particolare per la nomenclatura della flora e della fauna.

Tradizioni di compleanno nell’antica Roma

I primi riferimenti alle feste di compleanno risalgono all’Antico Egitto e, successivamente, all’Antica Grecia. La celebravano anche i romani, che adottarono molte delle tradizioni e dei riti greci.

In occasione dei compleanni delle persone più importanti, come gli imperatori, si tenevano grandi banchetti, sfilate pubbliche, combattimenti di gladiatori e rappresentazioni teatrali.

Il resto della popolazione festeggiava i compleanni all’interno della famiglia, anche se si festeggiavano anche i compleanni di amici intimi e mecenati. Si preparavano banchetti e una torta rotonda a forma di luna, in riferimento alla dea della luna e della caccia, Diana. Le candele sono state utilizzate anche per esprimere gli auguri e sono stati inviati inviti ai propri cari a partecipare alla celebrazione. Le celebrazioni del compleanno includevano anche sacrifici e preghiere ai jinn e agli dei che proteggevano la famiglia.

Inoltre, il festeggiato riceveva un regalo, il cui valore variava a seconda della sua età. Potrebbero essere gioielli, pietre preziose, vestiti o altri oggetti. Le famiglie più ricche assumevano ballerini e musicisti per intrattenere i loro ospiti.

A differenza degli attuali compleanni, nell’Antica Roma il compleanno di una persona non veniva solitamente festeggiato nella data specifica della sua nascita, ma nel primo giorno del mese in cui era nata.

I compleanni erano anche oggetto di diverse elegie, poesie e iscrizioni. Ad esempio, lo scrittore e grammatico romano Censorino scrisse De Die Natali come regalo di compleanno per il suo protettore Quinto Cerelius.

Con l’avvento del cristianesimo, invece dei compleanni, divenne più importante la celebrazione degli anniversari dei santi. Nel IV secolo d.C. C., papa Giulio I decretò il 25 dicembre Natalis solis invicti, giorno della nascita di Gesù, e sorse così la celebrazione del Natale, la più importante festa di compleanno della cristianità.

il giorno della purificazione

Un’altra celebrazione romana associata al compleanno era il “giorno della purificazione” o Dies lustricus . Questo rito veniva celebrato l’ottavo giorno dopo la nascita delle femmine e il nono giorno dopo la nascita dei maschi. In un certo senso, era un modo per celebrare la sopravvivenza dei neonati, poiché nell’Antica Roma la mortalità infantile era molto alta. Questo giorno ha segnato anche l’ingresso di una nuova persona nella società.

Nel giorno della purificazione, al neonato veniva dato un nome, che ne avrebbe definito il destino. Ha anche ricevuto un medaglione con un amuleto di protezione.

4 Modi per Dire “Buon Compleanno” in Latino – wikiHow

Oltre ai festeggiamenti, nell’Antica Roma era anche consuetudine utilizzare diverse frasi latine per augurare buon compleanno al festeggiato. Alcuni di loro sono:

  • Felix dies natalis : questa frase significa “buon compleanno”. In latino felix significa “felice” e dies natalis significa “compleanno”. Un’altra variante di questa frase può essere: felicem diem natalem .
  • Dies natalis felix tibi sit : questa espressione significa “buon compleanno a te”. È composto da dies natalis , che significa “compleanno”; felix , che significa “felice”; tibi , che significa “a te”; e siediti , che si traduce come “lascia che sia”. Una variante di questa frase potrebbe essere: felix sit natalis dies .
  • Natalis laetus tibi : è una frase che significa “buon compleanno a te”.
  • Beatum diem natalem : questa frase significa letteralmente “buon compleanno” e include un sinonimo di felix , beatum , che significa “felice”.

Altri modi per dire “buon compleanno” in latino

Oltre alle espressioni citate, ci sono altri modi per augurare “buon compleanno” o fare gli auguri in latino:

  • Habeas felicitatem in die natus è : letteralmente, significa “sii felice il giorno in cui sei nato”.
  • Fortuna dies natalis : “buon compleanno”.
  • Ad multos annos : significa letteralmente “a molti anni”, ed è una frase che si traduce come “possa tu vivere molti anni”.

Bibliografia

  • Marqués González, NF Che gli dei ci aiutino!: Religioni, riti e superstizioni dell’antica Roma . (2021). Spagna. Espasa.
  • Espinos, J.; Villar, M.; Masia, P.; Sánchez, D. È così che vivevano nell’antica Roma: un’eredità che sopravvive. (2010). Spagna. Gruppo Anaja.
  • Vox. Dizionario latino essenziale. Latino-spagnolo/ spagnolo-latino. (2016). Spagna. Redazione Vox.
-Annuncio-

mm
Cecilia Martinez (B.S.)
Cecilia Martinez (Licenciada en Humanidades) - AUTORA. Redactora. Divulgadora cultural y científica.

Artículos relacionados