Il significato della frase “la forma segue la funzione”

Artículo revisado y aprobado por nuestro equipo editorial, siguiendo los criterios de redacción y edición de YuBrain.


La forma segue la funzione è una frase che riassume i concetti base della progettazione architettonica, una frase che ha generato accesi dibattiti per oltre un secolo. Chi ha formulato una delle frasi più controverse in architettura e qual è stato il ruolo di Frank Lloyd Wright nell’approfondirne il significato?

Gli aspetti chiave della frase la forma è subordinata alla funzione

  • La frase la forma segue la funzione fu coniata dall’architetto Louis H. Sullivan in un saggio che scrisse nel 1896; L’alto edificio per uffici considerato artisticamente .
  • La dichiarazione riassume l’idea che il design esterno di un edificio dovrebbe riflettere le funzioni che si svolgono nei suoi spazi interni.
  • Il Wainwright Building a St. Louis, Missouri, e il Prudential Building a Buffalo, New York, entrambi negli Stati Uniti, sono due esempi di edifici il cui design esterno è associato alle loro funzioni.

Luigi Sullivan

Louis H. Sullivan (1856-1924) è nato a Boston, Massachusetts, Stati Uniti; È stato un pioniere nella costruzione di grattacieli negli Stati Uniti, principalmente nel Midwest, creando uno stile che a volte viene chiamato ” sullivaniano ” che ha cambiato i fondamenti del design architettonico. Louis Sullivan è stato una delle grandi figure dell’architettura americana, un fattore determinante nello stile architettonico noto come Scuola di Chicago.

Louis Sullivan è stato il primo architetto moderno negli Stati Uniti; Sosteneva che il disegno esterno di un edificio, la sua forma, dovessero riflettere le attività che si svolgono al suo interno, cioè le sue funzioni, cioè i negozi che ospita, le strutture con attrezzature meccaniche, gli uffici. Il Wainwright Building, costruito nel 1891 a St. Louis, Missouri, è un classico esempio della filosofia e dei criteri di progettazione architettonica di Sullivan. In questo edificio, costruito su una struttura in acciaio, spicca la sua facciata in cotto; i piani inferiori sono dotati di finestre che consentono l’illuminazione naturale, a differenza dei sette piani al centro del corpo di fabbrica, che racchiudono spazi per uffici, e del sottotetto superiore. La struttura architettonica in tre parti di Wainwright è simile a quella del Prudential Guaranty Building a Buffalo, New York, costruito nel 1896 da Adler e Sullivan, il più alto dell’epoca. La somiglianza nel design corrisponde allo sviluppo delle stesse funzioni nel suo spazio interno.

cima di due lati di un edificio per uffici rivestito in terracotta marrone a più piani, file di finestre rettangolari e una fila superiore di finestre rotonde
Prudential Guaranty Building costruito nel 1896 a Buffalo, New York, Stati Uniti. Dacoslett/Wikimedia Commons/CC BY-SA 3.0

La crescita dei grattacieli

La costruzione di grattacieli era una novità architettonica del 1890. Un tipo di acciaio più affidabile, prodotto utilizzando il processo Bessemer, iniziò ad essere utilizzato per la costruzione di colonne e travi. La maggiore resistenza delle strutture in acciaio ha permesso di costruire edifici più alti senza essere sostenuti da muri spessi e archi rampanti. Questa innovazione costruttiva è stata rivoluzionaria; gli architetti della Scuola di Chicago hanno immaginato il drastico cambiamento delle forme costruttive che esso comportava. Dopo la Guerra Civile negli Stati Uniti, lo sviluppo degli ambienti urbani era aumentato e l’acciaio divenne ormai una delle componenti fondamentali della “nuova America”.

Lo sviluppo di edifici in quota, associato all’espansione del lavoro d’ufficio, un sottoprodotto della rivoluzione industriale, era una nuova esigenza dell’architettura urbana. Louis Sullivan ha compreso la dimensione del cambiamento storico e l’ha proiettata nel progetto architettonico, in cui i criteri estetici precedentemente prevalenti cominciarono ad essere subordinati alla necessità di costruire più in alto, più velocemente e più utile. Così, il design degli edifici per uffici, insieme a molte altre forme di progettazione architettonica, si sviluppa per la prima volta come una forma d’arte viva e in continua evoluzione .. Sullivan voleva costruire edifici belli, come templi greci e cattedrali gotiche, ma allo stesso tempo utili e funzionali, capaci di sostenere l’evoluzione di una società in pieno fermento.

Louis H. Sullivan espose i principi di questa nuova forma di progettazione architettonica in un saggio scritto nel 1896; L’alto edificio per uffici considerato  artisticamente . Il saggio è stato pubblicato lo stesso anno in cui è stato costruito il Prudential Guaranty Building a Buffalo, la capitale dello stato di New York. L’eredità di Sullivan, oltre a instillare le sue idee nel giovane Frank Lloyd Wright (1867-1959), fu quella di documentare la filosofia progettuale architettonica degli edifici multiuso. Sullivan ha trasformato le sue convinzioni in testi; le idee che contengono continuano ad essere oggetto di analisi e dibattito ancora oggi.

vista ad angolo basso del primo grattacielo marrone, alzando lo sguardo dai piani inferiori
Prudential Guaranty Building del 1896 a Buffalo, New York, Stati Uniti. Dacoslett/Wikimedia Commons/CC BY-SA 3.0

La forma

Tutte le cose in natura hanno una forma “, diceva Sullivan, ” cioè un aspetto esteriore che ci dice cosa sono, che le distingue da noi stessi e dalle altre cose ” . È una legge di natura che le forme ” esprimano l’interiorità ” delle cose, una regola che deve essere rispettata in architettura; quando l’architettura si basa su questi principi si chiama “architettura organica”. Sullivan ha suggerito che il ” guscio ” esterno dei grattacieli doveva cambiare per riflettere le funzioni all’interno. Se, secondo questa nuova forma, disegno architettonico organico, la forma faceva parte della bellezza naturale, la facciata dell’edificio doveva cambiare al mutare delle funzioni del suo interno.

La funzione

Gli spazi interni con funzioni specifiche erano in passato locali con attrezzature meccaniche di servizio, posti al di sotto del livello stradale; Ai piani inferiori erano ubicati i settori commerciali, ai piani intermedi del corpo di fabbrica gli uffici e al piano superiore il sottotetto, adibito a magazzino e per l’installazione degli impianti di ventilazione dell’edificio e di altri servizi generali (impianti ascensori , ecc.). La rappresentazione di Sullivan dello spazio ufficio potrebbe essere stata inizialmente vista come organica e naturale, ma decenni dopo è stata criticata e derisa, e alla fine liquidata come disumanizzante dello spazio, sulla base di qualcosa che Sullivan ha espresso chiaramente in The Tall Office Building Artistically Considered

“… un numero indefinito di piani di uffici accatastati livello su livello, un livello uguale a un altro livello, un ufficio uguale a tutti gli altri uffici, un ufficio che è come una cella in un nido d’ape, semplicemente uno scompartimento, niente di più .”

L’emergere dell’idea di ” ufficio ” è stato un evento significativo nella storia degli Stati Uniti, una pietra miliare che ci colpisce ancora oggi. Non stupisce quindi che il postulato che Sullivan stabilì nel 1896 ” la forma segue la funzione “, o addirittura lo subordina, sia in vigore da tanti anni, a volte come spiegazione, spesso come soluzione architettonica, ma sempre come idea progettuale proposta da un geniale e visionario architetto del XIX secolo.

Forma e funzione sono la stessa cosa

Frank Lloyd Wright, allievo di Sullivan, era un giovane fumettista che non dimenticò mai gli insegnamenti del suo maestro. Come per i progetti di Sullivan, Wright ha incorporato le parole del suo ” lieber meister ” ( tedesco per caro maestro ), le ha fatte sue e le ha riassunte a modo suo: ” forma e funzione sono una cosa sola “. Affermò che le idee di Sullivan venivano applicate male se venivano ridotte a uno slogan dogmatico, trasformandole in una mera scusa per “costruire in uno stile assurdo, senza scopo “. Secondo Wright, Sullivan ha usato la frase come punto di partenza. Approccio al design « dall’interno verso l’esternoL’idea di Sullivan che la funzione degli spazi interni determina l’aspetto interno, Wright chiede: ” Se il pavimento ha forma, perché non accettare questo fatto come punto di partenza? Perché non iniziare accettando i doni della natura? «

Quindi quali sono i fattori da considerare quando si sviluppa il design esterno? La risposta di Wright è il dogma dell’architettura organica: questi fattori sono il clima, il suolo, i materiali da costruzione, il tipo di sistema di lavoro applicato (se è stato fatto con una macchina o manualmente) e, infine, lo spirito umano vivente che fa un edificio ” architettura “.

Frank Lloyd Wright non rifiuta le idee di Sullivan, ma suggerisce che Sullivan non ha approfondito o sviluppato le sue proposte negli aspetti intellettuali e spirituali. Wright ha scritto: ” meno è solo di più dove di più non va bene ” . Ha anche scritto: ” La forma segue la funzione è un mero dogma fino a quando non si comprende che l’affermazione prevalente è che forma e funzione sono la stessa cosa “.

Fonti

  • Frank Lloyd Wright sull’architettura: scritti selezionati (1894-1940). Federico Gutheim, editore. Biblioteca universale di Grosset, 1941.
  • Sullivan, Louis H. L’alto edificio per uffici considerato artisticamente. Rivista di Lippincott, 1896.
  • WrightFrank Lloyd. Il futuro dell’architettura. Nuova Biblioteca americana, Horizon Press, 1953.
-Annuncio-

mm
Sergio Ribeiro Guevara (Ph.D.)
(Doctor en Ingeniería) - COLABORADOR. Divulgador científico. Ingeniero físico nuclear.

Artículos relacionados