Quello che sappiamo sulle mutazioni animali di Chernobyl

Artículo revisado y aprobado por nuestro equipo editorial, siguiendo los criterios de redacción y edición de YuBrain.


Tre decenni dopo la catastrofe di Chernobyl, il peggior incidente nucleare del mondo, nella zona di esclusione compaiono nuovamente segni di vita. Gli animali selvatici di Chernobyl prosperano nella regione contaminata; i cuccioli che vagano per la zona attirano l’attenzione di molte persone. La zona di esclusione di Chernobyl, precedentemente considerata definitivamente inabitabile, è diventata un rifugio per flora e fauna, prova che la vita trova sempre la sua strada.

La maggior parte degli animali di Chernobyl non è diversa dalle loro controparti al di fuori di quest’area.

Si consiglia ai visitatori di non accarezzare gli animali di Chernobyl a causa della possibile presenza di particelle radioattive nella loro pelliccia, ma alcuni biologi sono rimasti sorpresi nello scoprire che l’incidenza delle mutazioni fisiche sembra essere inferiore a quanto avrebbe potuto suggerire l’esplosione di radiazioni.

Nella zona sono state registrate alcune stranezze (come l’albinismo parziale nelle sterne), ma i ricercatori ritengono che le gravi mutazioni siano avvenute principalmente subito dopo l’esplosione. Gli animali selvatici di oggi hanno il loro normale numero di arti e non sembrano essere portatori di radioattività.

Tuttavia, gli allevatori hanno osservato un aumento delle anomalie genetiche negli animali da allevamento subito dopo l’incidente di Chernobyl. Nel 1989 e nel 1990 il numero delle deformità è nuovamente aumentato, probabilmente a causa delle radiazioni rilasciate dal sarcofago progettato per isolare il nucleo dalla centrale elettrica. Nel 1990 sono nati circa 400 animali deformi. La maggior parte delle deformità erano così gravi che gli animali vivevano solo poche ore.

Molti animali di Chernobyl sono riusciti a sopravvivere

Gli effetti dell’esplosione radioattiva della centrale nucleare di Chernobyl il 26 aprile 1986 portarono alla devastazione dell’ambiente. Attorno allo stabilimento e nella vicina città di Pripyat in Ucraina, le radiazioni del disastro di Chernobyl hanno fatto assumere alle foglie di migliaia di alberi un colore ruggine, dando alle foreste circostanti un nuovo nome, “la foresta rossa”.

Gli operai finirono per sradicare e seppellire gli alberi radioattivi. Alle squadre di leva sovietiche fu anche ordinato di sparare a qualsiasi animale randagio nella zona di esclusione di Chernobyl, che è composta da 1.609 chilometri quadrati di terra.

Sebbene molti esperti ora credano che parti dell’area rimarranno pericolose per l’uomo per circa 20.000 anni, molte specie di animali e piante non solo sono sopravvissute, ma hanno prosperato.

Le radiazioni hanno ucciso migliaia di insetti

A differenza dei grandi carnivori e di altri animali selvatici, insetti e ragni hanno visto il loro numero diminuire considerevolmente. Uno studio del 2009 pubblicato su Biology Letters ha indicato che più radiazioni c’erano in alcune aree intorno alla zona del disastro di Chernobyl, minore era la popolazione di invertebrati.

Un fenomeno simile si è verificato dopo l’incidente nucleare del 2011 alla centrale nucleare di Fukushima, dove le popolazioni di cicale e farfalle, così come gli uccelli, sono diminuite, mentre altre popolazioni animali non sono state colpite.

Molti animali hanno subito conseguenze morfologiche

Esiste un numero crescente di studi empirici su Chernobyl e anche su Fukushima, che documentano un’ampia gamma di conseguenze fisiologiche, evolutive, morfologiche e comportamentali dell’esposizione a contaminanti radioattivi. Si presume che la maggior parte di questi effetti abbia una base genetica sottostante, sebbene in alcuni casi non si possa escludere una tossicità diretta.

Uno dei primi segni visibili di esposizione è stata la comparsa di macchie bianche sulle penne degli uccelli. Questi “albini parziali” sono stati ben documentati e, sebbene si ritenga che abbiano una minore possibilità di sopravvivenza, ci sono dati sufficienti per suggerire che questo carattere può essere ereditato e può anche essere, almeno in parte, il risultato di una mutazione nella linea germinale, basata sulla somiglianza tra genitori e figli.

Migliaia di cani rimasti senza casa

Centinaia di cani vivono nella zona di esclusione di 30 chilometri intorno a Chernobyl, nel nord dell’Ucraina. Sono i discendenti delle mascotte lasciate nel 1986, quando più di 100.000 persone furono evacuate dopo la catastrofica esplosione della centrale nucleare della città. I soldati sovietici cercarono di uccidere quanti più animali possibile per impedire loro di diffondere radiazioni, ma non furono in grado di coprire completamente il bersaglio.

Più di trent’anni dopo, la più grande minaccia per la sopravvivenza dei cani non sono le radiazioni, ma gli animali selvatici, le malattie e il rigido inverno ucraino, che ha portato pochi di loro a vivere più di quattro o cinque anni.

Non c’è stato per molto tempo alcuno sforzo organizzato per aiutare i cani, il cui numero è salito a più di 1.000 nel 2013. I lavoratori che si occupavano della manutenzione del sarcofago contenente il vecchio reattore della centrale e i residenti locali li nutrivano con avanzi quando potevano. , la sovrappopolazione e la malnutrizione erano in aumento.

Tuttavia, nel 2017 Lucas Hixson ed Erik Kambarian, co-fondatori della ONG americana Clean Futures Fund, hanno collaborato con SPCA International (SPCAI), una ONG per il benessere degli animali, e insieme hanno creato il progetto Dogs of Chernobyl . La prima priorità del progetto era vaccinare e sterilizzare almeno il 70% dei cani in tre anni, obiettivo raggiunto nella prima estate del 2019. Da allora i cani sono stati accuditi da diverse ONG, in azienda di persone che, a distanza, adottano o sponsorizzano cani per aiutare la causa.

Fonti

  • Galvano, io; Bonisoli-Alquati, A; Jenkinson, S; Ganem, G; Wakamatsu, K; Mousseau, T. & Moller, A. (2014). L’esposizione cronica a radiazioni a basse dosi a Chernobyl favorisce l’adattamento allo stress ossidativo negli uccelli. Ecologia funzionale .
  • Handwiki. (nd). Biologia: effetti del disastro di Chernobyl.
  • Pape Moller, A. & Mousseau, T. (2009). Abbondanza ridotta di insetti e ragni legati alle radiazioni a Chernobyl 20 anni dopo l’incidente. Lettere di biologia .
-Annuncio-

mm
Carolina Posada Osorio (BEd)
(Licenciada en Educación. Licenciada en Comunicación e Informática educativa) -COLABORADORA. Redactora y divulgadora.

Artículos relacionados