Curiosità sugli opossum: biologia, ecologia e tassonomia

Artículo revisado y aprobado por nuestro equipo editorial, siguiendo los criterios de redacción y edición de YuBrain.


Gli opossum sono marsupiali , cioè mammiferi le cui femmine hanno un marsupio o pieghe che circondano i capezzoli a cui si attaccano gli embrioni in via di sviluppo una volta fuori dall’utero. Sono imparentati con canguri, koala e vombati, tra gli altri.

Gli opossum sono distribuiti dal Canada all’Argentina e prendono il nome a seconda della regione e del paese. Alcuni dei suoi nomi comuni sono: opossum (Canada e USA); chucha, runcho, fara, gambero, giuggiola (Colombia); donnola (Argentina, Paraguay); carachupa (Bolivia); mucura, volpe, muca, gamberetto (Brasile, Perù); volpe, yalu, grande volpe (Ecuador); volpe, volpe glabra (Panama); intuto (Perù); Rabipelado (Venezuela); tacuzin (America centrale); tlacauche (Messico). Per la maggior parte questi animali hanno abitudini notturne e occupano preferibilmente gli alberi.

Caratteristiche fisiche distintive

Viso. Gli opossum hanno lunghi rostri a forma di cono. Alcune specie hanno punti luminosi sopra gli occhi. Hanno una struttura ossea ben sviluppata chiamata barra post-orbitale che circonda la parte posteriore dell’orbita oculare. Inoltre, il loro cranio ha una sporgenza ossea che corre al centro chiamata cresta sagittale.

Cranio di opossum della specie Didelphis aurita.
Teschio di opossum. Fotografia del Museo di Anatomia Veterinaria di Wagner Souza e Silva, con licenza CC BY-SA 4.0.

Coda prensile . Gli opossum hanno una coda ricoperta di squame a forma di diamante, disposte a spirale. Questa struttura presenta variazioni a seconda della specie: può essere prensile oppure no; la sua lunghezza può essere minore, uguale o maggiore della lunghezza testa-corpo; la base può essere poco o molto pelosa. Se la coda è prensile, la usano per tenere oggetti e pendere dai rami.

Pollice opponibile. Come gli umani e altri primati, gli opossum hanno cinque dita, una delle quali è un pollice che permette loro di aggrapparsi. Questo dito è squamoso, senza unghie e senza peli.

Pollice opponibile di un opossum della specie Didelphis virginiana.
Sia il pollice opponibile che le altre dita hanno cuscinetti ruvidi, che impediscono all’animale di scivolare su varie superfici. Foto di Tony Alter, con licenza CC BY 2.0.

Pelliccia. Questi marsupiali mostrano una colorazione della pelliccia che varia a seconda della specie. Alcuni hanno il dorso nero, grigio o castano. Le teste di alcune specie hanno linee nere che vanno dal naso alle orecchie.

Riproduzione

Gli opossum si distinguono per i loro brevi periodi di gestazione che vanno dagli 8 ai 45 giorni, a seconda della specie. Successivamente, i piccoli nascono in uno stato di sviluppo incompleto e migrano dall’utero in una sacca chiamata marsupio, all’interno della quale si trovano le ghiandole mammarie a cui aderiscono fino al completamento del loro sviluppo. I cuccioli appena nati pesano meno di un (1) grammo.

Le femmine hanno da 10 a 13 capezzoli. Tuttavia, il numero di cuccioli è solitamente maggiore del numero di capezzoli, motivo per cui molti di loro non raggiungono l’età adulta, tenendo conto che per sopravvivere devono essere attaccati a uno dei capezzoli all’interno del marsupio per uno o due mesi. Quando lasciano il marsupio, i cuccioli sono indipendenti.

Giovani in via di sviluppo attaccati ai capezzoli all'interno del marsupio.
Nella foto sono i cuccioli in via di sviluppo aggrappati ai capezzoli di una femmina di opossum. Foto di Lucas Henrique Gomes de Almeida, con licenza CC BY-SA 4.0.

Ecologia

Gli opossum sono onnivori. Poiché gran parte della loro dieta è costituita da frutti, contribuiscono alla dispersione dei semi delle piante pioniere, una funzione importante nel processo di ripristino delle aree disturbate. La dispersione avviene mediante il trasporto dei semi nel tubo digerente degli opossum (fenomeno detto endozoocorio) e la loro escrezione attraverso le feci o il rigurgito in condizioni e luoghi idonei allo sviluppo dell’embrione della pianta. Il transito dei semi attraverso il sistema digestivo aiuta a scarificare quelli la cui parete esterna è molto forte, il che contribuisce al successo della germinazione.

tassonomia

La diversità dei marsupiali è così ampia che non è stato raggiunto alcun consenso definitivo sulla classificazione tassonomica. Tuttavia, è accettato che la tassonomia degli opossum sia la seguente.

  • Regno Animalia.
  • Phylum : Cordati .
  • Classe: Mamalia.
  • Ordine: Marsupialia.
  • Famiglia: Didelfidi .
  • Sottordine: Didelphimorphia .
  • Sottofamiglia: Didelphinae .
  • Sottoclasse: Metateria .
  • Genere: Didelphis .
  • Specie: Marsupialis .
  • Nomi scientifici di alcune specie: Didelphis virginiana , Didelphis albiventris , Didelphis marsupialis .

Fonti

Flórez-Oliveros FJ, Vivas-Serna C. Opossum (chuchas comuni), marmose e code corte in Colombia . Fondazione Zarigüeya – FUNDZAR, Medellin, Colombia. 264 pagine, 2020.

Moreno, V. Didelphis marsupialis, Linnaeus 1758 (opossum): un contributo alla sua conoscenza, uso e conservazione . Università di Cundinamarca., nd

Rueda, M., Ramírez, G., Osorio, J. Approccio alla biologia dell’opossum comune (didelphismarsupialis) . Bollettino Scientifico Centro Musei – Museo di Storia Naturale . 17(2): 141-153, 2013.

-Annuncio-

mm
Maria de los Ángeles Gamba (B.S.)
(Licenciada en Ciencias) - AUTORA. Editora y divulgadora científica. Coordinadora editorial (papel y digital).

Artículos relacionados